Login

MyLav blog

Cari colleghi, parleremo oggi delle metodiche di corretto campionamento per eseguire un esame colturale da liquido sinoviale e vi daremo alcuni importanti aggiornamenti per eseguire l’emocoltura, di cui abbiamo già pubblicato un post in passato. 

Per eseguire l’esame colturale da liquido sinoviale:

  • Rasare e disinfettare la cute prima di procedere all’artrocentesi.
  • Se disponibile, inserire il liquido in una provetta per emocoltura che fungerà così sia da terreno di trasporto che da terreno di arricchimento.
  • In alternativa inviare il liquido raccolto direttamente nella siringa utilizzata per il prelievo o in una provetta vuota sterile. Imbibire la punta del tampone con un po’ di liquido ed inviare solo quello potrebbe non essere sufficiente.
  • Per l'analisi del liquido sinoviale, è fondamentale avere anche un riscontro citologico. In questo caso parte del prelievo va inserito ANCHE in una provetta di K3EDTA, adatta per la citologia ma NON per il colturale. In alternativa potreste preparare direttamente gli strisci da liquido sinoviale e inviare per la citologia i soli vetrini.
  • Se possibile è utile anche inviare una biopsia della sinovia in modo da aumentare la probabilità di isolamento batterico. Ricordiamo che i campioni tissutali solidi vanno in provetta vuota contenente fisiologica sterile.

 

Vi sottoponiamo ora importanti aggiornamenti in merito alle metodiche di corretto campionamento per quanto riguarda l’emocoltura:

Quando è il caso di ricorrere ad un’emocoltura?

In tutti i casi in cui si sospetta nel paziente una setticemia, un’endocardite batterica o una meningite batterica, nei casi di febbre di origine sconosciuta, in corso di poliartrite, discospondilite, polmonite, pleurite e peritonite.

Come si esegue un’emocoltura?

  • Eseguire almeno DUE prelievi a distanza di tre ore l’uno dall’altro (o TRE a distanza di due ore l’uno dall’altro) rigorosamente PRIMA di qualsiasi terapia antibiotica (sono necessari almeno due prelievi poiché bisogna riuscire a prelevare il sangue quando i batteri sono in attiva replicazione; un solo prelievo potrebbe non evidenziare la replicazione batterica e dare un risultato falso negativo).

  • Il prelievo da emocoltura va eseguito rasando e disinfettando chirurgicamente l’accesso venoso. Ciascun prelievo deve essere di almeno 2,5-5 ml di sangue per il gatto e 5-10 ml di sangue per il cane (da valutare in base al peso e alla taglia dell’animale).

  • Ciascun prelievo va inserito in una bottiglia per emocoltura (vedi foto a fianco), quindi le bottiglie da inviare devono essere almeno due.

  • Ricordarsi sempre di cambiare l’ago ed utilizzarne uno nuovo per l’inoculo.

  • Per evitare possibili contaminazioni, è buona pratica apporre del cotone idrofilo imbevuto di alcool sul tappo di plastica del flacone ed assicurarlo con del cerotto.

Marta Medardo, Responsabile del settore di Microbiologia di MYLAV



  • Creato il: 2019-02-18 - 22:37:10
  • Postato da: Walter Bertazzolo
  • Categoria: MICROBIOLOGIA

Commenti: 3
  • immagine di CLINICA VETERINARIA CAMAGNA SAS
    CLINICA VETERINARIA CAMAGNA SAS   veterinario  ha scritto: 20/02/2019 - 12:32:51
    Chiarissimo, grazie mille,allora mi procurerò la bottiglia per aereo e ana perchè mi sembra più pratico. Non abbiamo mai fatto un emocoltura ma non si sa mai meglio essere pronti. Grazie per la risposta
  • immagine di Marta Medardo
    Marta Medardo  veterinario  ha scritto: 20/02/2019 - 11:01:20
    Cara Alessandra, il modello di bottiglie da emocoltura che possiedi va utilizzato in coppia per singolo prelievo. Mi spiego: la bottiglia Bi-state è adatta agli aerobi o anaerobi facoltativi, e la dicitura indica che il terreno contenuto è in grado di fornire diverse concentrazioni di ossigeno; la bottiglia Anaerobe invece è adatta per i batteri anaerobi obbligati. Ciò significa che ogni singolo prelievo va inoculato metà in una bottiglia e metà nell'altra. La bottiglia da emocoltura del modello invece che vedi in foto è dotata di un sistema di arricchimento adatto sia per aerobi che per anaerobi (quindi ad un prelievo corriponde un'unica bottiglia).
  • immagine di CLINICA VETERINARIA CAMAGNA SAS
    CLINICA VETERINARIA CAMAGNA SAS   veterinario  ha scritto: 20/02/2019 - 10:25:08
    Buongiorno, in clinica ho due tipi differenti di bottiglie per emocoltura. Su di una dal liquido color ambra ho la scritta "Anaerobic Blood Culture", su l'altra con liquido giallo oro "Bi-state Blood culture".Per cosa sta bi-state? Si devono usare sempre entrambe? Grazie Alessandra