Login

MyLav blog

Di: Maria Carmela Pisu.

L'iperplasia prostatica benigna è una alterazione comune nei cani maschi interi adulti/anziani che può condurre a disturbi clinici altrettanto comuni (disuria, ematuria, dischezia, ecc.). La diagnosi di questa condizione è storicamente basata sui rilievi clinici, ecografici e sulla citologia ago-aspirativa (a fianco un esempio di iperplaia prostatica all'esame citologico).

Negli ultimi anni è stata evidenziata la possibilità di valutare le modificazioni prostatiche attaverso l’aumento sierico di una esterasi specifica prostatica canina (Canine Prostatic Specific Esterase, CPSE).

E’ stato quindi recentemente sviluppato un nuovo mezzo diagnostico: un test ELISA per valutare la CPSE.

L’esterasi specifica viene prodotta e rilasciata nel circolo ematico dalle cellule prostatiche e il suo aumento è indice di iperattività e quindi iperplasia ghiandolare (ma anche di altre alterazioni con aumento della densità cellulare).

In studi  recenti (Levy et al., Alonge et al) la diagnosi di iperplasia prostatica benigna (IPB) è stata effettuata tramite ecografia e i risultati comparati alla concentrazione sierica di CPSE. Le concentrazioni di CPSE erano significativamente superiori nei cani con IPB che in quelli senza evidenza ecografica di IPB.

La soglia ottimale del valore di CPSE che consente di discriminare tra cani sani e cani con IBP è risultata inizialmente di 70 mg/ml ed è stata recentemente abbassata a 50 ng/ml per includere i soggetti che hanno iniziali alterazioni ecografiche ma senza ancora alcun segno clinico.

Il dosaggio sierico di CPSE non può ad oggi sostituire lo studio ecografico della prostata per evidenziare le alterazioni sintomatiche, ma risulta un validissimo e rapido test di screening da effettuare sui cani oltre i 5 anni di età (4 anni per cani di razza gigante e riproduttori), al fine di evidenziare una iniziale o avanzata iperplasia prostatica e di valutare la necessità di indagini più approfondite e/o terapie in tempi precoci o precossimi.

Poichè numerosi studi dimstrano che nell’80% dei soggetti l’IBP ha la sua iniziale insorgenza  in un’età inferiore al 50% dell’aspettativa media di vita di un cane, l’utilizzo di un test ematico da poter inserire tra i test di sceening, consente di evitare la comparsa della sintomatologia correlata alla sindrome prostatica e salvaguardare la fertilità nei soggetti destinati alla riproduzione

Come per gli altri ormoni, anche il CPSE va dosato sul siero.

 

Bibliografia

 X Levy1, W Nizansky, A von Heimendahl and P Mimouni. Diagnosis of Common Prostatic Conditions in Dogs: an Update Reprod Dom Anim 49 (Suppl. 2), 50–57 (2014);

W Nizanski1, X Levy2, M Ochota1 and J Pasikowska. Pharmacological Treatment for Common Prostatic Conditions in Dogs – Benign Prostatic Hyperplasia and Prostatitis: an Update Reprod Dom Anim 49 (Suppl. 2), 8–15 (2014);

S. Alonge, M Melandri,| R Leoci, GM Lacalandra,  G Aiudi. Canine prostate specific esterase (CPSE) as an useful biomarker in preventive screening programme of canine prostate: CPSE threshold value assessment and its correlation with ultrasonographic prostatic abnormalities in asymptomatic dogs Reprod Dom Anim Nov 2017

BS Holst. Diagnostic possibilities from a serum sample—Clinical value of new methods within small animal reproduction, with focus on anti-Müllerian hormone Reprod Dom Anim Apr;52 Suppl 2:303-309



  • Creato il: 2018-01-29 - 10:39:57
  • Postato da: Walter Bertazzolo
  • Categoria: Test diagnostici

Commenti: 0
Non ci sono commenti al momento.