Login

MyLav blog

Cari colleghi,

continuiamo a parlarvi delle colorazioni cito/istochimiche ed, in particolare, parleremo oggi della colorazione di Grocott: tale metodica viene eseguita qualora si sospetti la presenza di funghi sia su campione citologico sia su campione istologico .

Figura 1: infezione da criptococchi, esame istologico: la capsula fungina appare incolore mentre il copro fungino e la sua parete assumono colore marrone scuro.

 

La maggior parte dei miceti presentano una parete cellulare costituita da polisaccaridi e chitina: la rottura della catena polisaccaridica, mediante l’acido cromico, permette all’ argento cloruro facente parte del complesso argento-metenamina di ridursi ad argento metallico diventando cosi’ visibile: pertanto le cellule fungine saranno colorate di nero rispetto al resto del tessuto che sara’ colorato di verde. Anche alcune alghe patogene (come la Prototheca) si colorano bene con lo stesso metodo (Figura 2). 

 

Figura 2:infezione da Prototheca su preparato istologico.

 

Questa colorazione permette dunque al patologo di confermare il sospetto di infezione fungina (o da alcune alghe patogene), ma non permette tuttavia di differenziare i miceti nelle varie specie, le quali possono essere discriminate esclusivamente mediante coltura e/o PCR.

Maria Massaro e Walter Bertazzolo



  • Creato il: 2017-09-29 - 10:52:34
  • Postato da: Walter Bertazzolo
  • Categoria: Test diagnostici

Commenti: 0
Non ci sono commenti al momento.