Login

MyLav blog

Di Gustavo Picci, consulente del Laboratorio LaVallonea per gli animali esotici.

Quali sono i siti per effettuare il prelievo ematico nel coniglio?

La vena safena laterale è il sito di accesso venoso più utilizzato nei conigli perché è un vaso di discrete dimensioni ed è facilmente individuabile.

Altri siti di prelievo, quali la vena e l’arteria auricolare, la giugulare, la vena cefalica e la puntura cardiaca, sono utilizzati in modo limitato. Il prelievo dai vasi auricolari potrebbe causare la necrosi ischemica della pinna auricolare. Dalla giugulare si possono prelevare campioni ematici abbondanti sebbene, a causa della difficoltà di contenzione dei pazienti, spesso sia necessaria la sedazione. L’identificazione di questo vaso potrebbe essere difficoltosa nelle femmine che presentano giogaia abbondante. La vena cefalica è utilizzata in modo limitato perché la conformazione anatomica dell’avambraccio rende difficile l’emostasi e la localizzazione del vaso. Infine, la vena femorale può essere utilizzata con la stessa manualità impiegata nei cani e nei gatti (paziente in decubito laterale).

Come si effettua il prelievo dalla vena safena?

Per prima cosa è preferibile eseguire la tricotomia della regione anatomica per evidenziare con facilità la vena. Successivamente un collaboratore immobilizza il coniglio coprendo con una mano la testa e gli occhi e con l’altra mano controlla il bacino e effettua una leggera extrarotazione dell’arto per ottenere la posizione di iperestenzione. L’aiutante esercita la compressione manuale della vena.

Quanto sangue possiamo prelevare?

Il volume ematico totale di un coniglio corrisponde a circa 55-65 ml/kg, il 6-10% può essere prelevato in sicurezza.

Cosa dobbiamo inviare al laboratorio per effettuare un profilo emato-biochimico completo?

Il laboratorio effettua la lettura del quadro ematico su campioni conservati in EDTA e relativo striscio, per il profilo biochimico e l’elettroforesi sono richiesti circa 0,5-1 ml di siero.

Per visualizzare la manualità della procedura vi invitiamo a visualizzare il seguente video:

 

 



  • Creato il: 2018-03-05 - 11:33:23
  • Postato da: Walter Bertazzolo
  • Categoria: ANIMALI ESOTICI

Commenti: 3
  • immagine di Walter Bertazzolo
    Walter Bertazzolo  veterinario  ha scritto: 09/03/2018 - 09:45:59
    PS: se leggi bene poi c'è scritto che di quel volume complessivo, fino al 10% (ovvero intorno ai 5 ml per Kg) si possono prelevare senza grossi rischi
  • immagine di Walter Bertazzolo
    Walter Bertazzolo  veterinario  ha scritto: 09/03/2018 - 09:43:52
    Ciao Andrea, no è corretto, il volume di sangue complessivo nei mammiferi si aggira intorno al 6-8% del peso corporeo totale, per cui ci sta quel volume di sangue per Kg di animale. Quel numero non si…
  • immagine di andrea casadio tozzi
    andrea casadio tozzi  veterinario  ha scritto: 09/03/2018 - 09:38:18
    ciao walter....forse manca una virgola perché 55 ml/kg mi sembrano tantini....
Leggi tutto

Cari colleghi, questa settimana parliamo di animali esotici con il nostro consulente Gustavo Picci, in particolare approfondiremo il discorso relativo a pappagalli e Chlamydia psittaci.

Chlamydia psittaci è l’agente eziologico della chlamidiosi conosciuta anche come psittacosi o ornitosi. Le Chlamydiae sono dei microrganismi gram negativi di forma sferica, dimensioni comprese tra 0,4 e 0,6 micron di diametro. Sono definiti parassiti energetici perché utilizzano l’ATP prodotto della cellula. L’infezione può essere contratta dai pappagalli, da altre specie di uccelli (ad esempio canarini, piccioni, colombi), dai mammiferi e dall’uomo. Grazie ai test di laboratorio abbiamo la possibilità di individuare uccelli portatori sani asintomatici ed eliminatori del batterio; infatti, i portatori inapparenti sono comuni e possono essere uccelli guariti dalla malattia o soggetti asintomatici.

Come si può trasmettere? 

 

La trasmissione orizzontale è quella più comune e si realizza attraverso l'inalazione di secrezioni respiratorie e/o di feci. La trasmissione verticale è stata descritta nel pappagallino ondulato. Sempre in questa specie è stato osservato che l’eliminazione con le feci può continuare per più di un anno dall’infezione.

 

Principali segni clinici?

I giovani possono presentare la malattia in forma acuta con grave sintomatologia respiratoria, questo tipo di infezione esita nella maggior parte dei casi con la morte degli animali. Le manifestazioni cliniche più frequenti sono: piumaggio arruffato, emaciazione, letargia, ipotermia, disidratazione e congiuntivite. Quando la patologia si cronicizza si evidenziano rantoli, scolo nasale, feci di colore giallo-verdastro per coinvolgimento epatico, perdita di peso e in alcuni pazienti si associano sintomi neurologici.

Quali sono le diagnosi differenziali da considerare?

Le manifestazioni cliniche sono variabili ed essendo una malattia che si manifesta principalmente in forma cronica si può spesso associare ad altre patologie, per questo motivo è importante avvalersi di esami di laboratorio per raggiungere la diagnosi corretta. In diagnosi differenziale bisogna considerare infezioni da enterobatteri, herpesvirus, paramyxovirus, influenza A virus e mycoplasmosi.

A livello ematobiochimico che tipo di alterazioni si possono presentare?

Nelle forme croniche avremo anemia con aumento di ALT, acidi biliari, acido urico, LDH e proteine totali. Si evidenzia, inoltre, marcata eterofilia con eterofili tossici e spostamento della curva a sinistra.

Quali sono le principali lesioni anatomo-patologiche?

A seconda della forma clinica (iperacuta, acuta, subacuta e cronica) si possono trovare lesioni più o meno imponenti ed estese. Le principali lesioni sono: emorragie petecchiali, congestione, epato-splenomegalia, formazione di depositi superficiali di essudato fibrinoso, pericardite e periepatite fibrinosa, aerosacculite fibrinosa, congestione polmonare e polmonite.

Quali sono i test da effettuare per una corretta diagnosi?

Il laboratorio MYLAV – La Vallonea ha la possibilità di proporre due test, un test per la ricerca anticorpale e i test di biologia molecolare.

Il test Elisa ricerca gli anticorpi IgG nel siero aviare. È necessario inviare al laboratorio circa 0.5 microlitri di siero. A volte un pappagallo positivo a questo test potrebbe non essere eliminatore.

Il test di biologia molecolare (Pcr-polymerase chain reaction) per la ricerca della Chlamydia è molto sensibile e specifico, ma non è consigliabile effettuarlo su prelievi di sangue perché la Chlamydia non è presente nel sangue in modo costante. La PCR permette di individuare gli uccelli con infezione latente o persistente.

Cosa dobbiamo inviare al laboratorio per effettuare i test di biologia molecolare? Su quali campioni?

Il test si può effettuare su feci se vogliamo testare animali asintomatici ma eliminatori, in questo caso si deve utilizzare un tampone a secco senza terreno di trasporto prelevando più campioni di feci anche in giorni differenti. È possibile comunque effettuare il test anche su altro materiale biologico: sia in uccelli sintomatici che asintomatici possiamo utilizzare lo scolo nasale e/o congiuntivale e le secrezioni del cavo orale. Alcuni autori consigliano di effettuare un unico tampone a secco prelevando in ordine materiale biologico da congiuntiva, coane e cloaca. Questa tecnica può essere applicata anche nelle collezioni di pappagalli per monitorare lo stato sanitario dei riproduttori, dato che l’eliminazione della Chlamydia è intermittente si consiglia di ripetere il campionamento per tre giorni consecutivi.

Durante l’esame autoptico possiamo prelevare del materiale biologico da analizzare sempre con tecnica PCR.

Come si manifesta la malattia nell’uomo?

L’uomo si infetta inalando i microrganismi che sono stati aerosolizzati da feci secche o da secrezioni delle vie respiratorie, dal contatto diretto della bocca con il becco e con piume contaminate.  In passato quando non si disponeva di farmaci specifici, la mortalità era del 15-20 %, attualmente la mortalità è inferiore a 1%. Nell’uomo causa polmonite interstiziale, mialgia, emicrania, ipertermia, endocardite, miocardite, epatite, artrite, cheratocongiuntivite, encefalite e aborto.

 



  • Creato il: 2017-10-05 - 16:25:43
  • Postato da: Walter Bertazzolo
  • Categoria: ANIMALI ESOTICI

Commenti: 0
Non ci sono commenti al momento.

Cari colleghi, inauguriamo un nuovo settore del nostro blog dedicato agli animali esotici. Abbiamo chiesto al nostro consulente Gustavo Picci di rispondere ad alcune frequenti domande su una patologia dei conigli, l'encefalitozoonosi

Innanzi tutto Gustavo, di cosa si tratta?

L’encefalitozoonosi è una malattia parassitaria sostenuta dal protozoo Encephalitozoon cuniculi, parassita intracellulare obbligato e sporigeno.

Quali specie colpisce?

L’ospite principale è il coniglio, ma raramente l’infestazione è stata osservata in roditori, gatti, pecore, cani, scimmie, maiali e capre. L’uomo può essere interessato solo se presenta grave immunodepressione, il contagio diretto dal coniglio non è documentato.

Qual è il ciclo biologico?

L’urina è la via di eliminazione del parassita, i conigli infestati eliminano il protozoo sotto forma di spore che contaminano l’ambiente. Le spore infestano il nuovo ospite attraverso l’ingestione di acqua e di cibo contaminati. E’ descritta anche la trasmissione per via tranplacentare e inalatoria. Il parassita entra nel circolo ematico e si diffonde a livello renale dove replica e viene eliminato all’esterno attraverso l’urina. Successivamente a questa fase replicativa dai reni si ha la diffusione al sistema nervoso centrale e al cristallino.

Dopo quanto tempo dal contagio si manifestano i sintomi?

Non tutti i conigli manifestano sintomi. La maggior parte dei conigli infestati può restare asintomatica per tutta la vita, perché sviluppano un’infestazione cronica subclinica con formazione di lesioni granulomatose che incapsulano il parassita. Se il soggetto presenterà nel corso degli anni immunodepressione avremo la manifestazione clinica della malattia.

Quali sono i sintomi?

La malattia si manifesta principalmente con sintomatologia neurologica: è possibile osservare atassia, sindrome vestibolare, tremori, convulsioni, nistagmo, paralisi, incontinenza urinaria.  Pazienti affetti da incontinenza possono sviluppare dermatite perineale. La sintomatologia renale è in genere caratterizzata da insufficienza renale di grado lieve, accompagnata nelle forme avanzate da perdita di peso, poliuria/polidipsia e anoressia. Nella forma oculare si evidenzia cataratta, rottura del cristallino e uveite.

Quali sono le diagnosi differenziali?

In diagnosi differenziale si devono considerare i traumi, le fratture spinali, le spondiliti, le infestazioni da Toxoplasma, le otiti medie e le otiti interne, gli ascessi e le infezioni cerebrali, le infezioni da Listeria, il colpo di calore, le intossicazioni da metalli pesanti e le neoplasie.

Come si procede ad una corretta diagnosi?

La diagnosi di certezza ante-mortem non è possibile perché richiede l’esame istologico del tessuto cerebrale per evidenziare la presenza dei parassiti oppure per osservare le lesione granulomatose.

E’ necessario quindi incrociare più test per la diagnosi in vivo correlandoli alla sintomatologia del paziente:

Emocromo e Esame Biochimico: sono in genere nella norma nelle forme acute.

Esame sierologico ricerca IgG: un titolo anticorpale positivo indica l’esposizione al parassita ma non attesta che questo sia la causa dei sintomi clinici. Il test è valido per escludere la malattia in caso di esito negativo limitando il campo ad altre diagnosi differenziali; sarà necessario, in questo caso, ripetere il test dopo quattro settimane in quanto un’infestazione recente avrà presumibilmente causato sieroconversione.

Esame sierologico ricerca IgM: il titolo anticorpale aumenta a partire dal diciassettesimo giorno post infezione; possono risultare positivi anche alcuni conigli sani.

Elettroforesi: aumento costante e significativo della frazione gamma.

PCR: possibile effettuare il test da urina sebbene l’eliminazione delle spore nelle urine avviene per un periodo limitato e in modo intermittente

In che modo è possibile controllare la presenza del parassita?

E' consigliabile isolare i coniglietti appena acquistati da altri conigli perché possono essere eliminatori fino a quattro mesi di età. La trasmissione postnatale si verifica entro le sei settimane dalla nascita e i piccoli elimineranno il parassita con le urine solo per un periodo limitato per cui adulti non saranno infestanti.

 



  • Creato il: 2017-05-07 - 12:17:01
  • Postato da: Walter Bertazzolo
  • Categoria: ANIMALI ESOTICI

Commenti: 0
Non ci sono commenti al momento.